giovedì 23 settembre 2021

Le mafie cambiano faccia, meno violenza e più infiltrazioni. Il rapporto della DIA del 22 settembre 2021

La criminalità organizzata cambia sempre più faccia: Cosa Nostra, Camorra, 'Ndrangheta lavorano costantemente per ampliare le proprie capacità di relazione e sempre più in sinergia con i colletti bianchi, "sostituendo l'uso della violenza, sempre più residuale, con linee d'azione di silente infiltrazione". L'analisi di come si stanno evolvendo le organizzazioni criminali è contenuta nella Relazione della Direzione investigativa antimafia, relativa al secondo semestre del 2020 e appena consegnata al Parlamento. A riportare il documento è l'Ansa.
CHI E' LEONARDO VITALE (?): IL PRIMO PENTITO DI MAFIA DELLA STORIA
In sostanza, spiegano gli esperti della Dia, tutte le organizzazioni mafiose hanno accelerato il "processo di trasformazione e 'sommersione' già in atto da tempo, senza però rinunciare del tutto all'indispensabile radicamento sul territorio e a quella pressione intimidatoria che garantisce loro la riconoscibilità in termine di 'potere' criminale". 
CHI ERA MARIO FRANCESE(?): IL PRIMO GIORNALISTA A SCRIVERE I NOMI DEI MAFIOSI
 A testimonianza di questa evoluzione ci sono anche i dati: rispetto al secondo semestre del 2019 si registra da un lato il calo degli 'omicidi di tipo mafioso' e delle 'associazioni mafiose' (passati rispettivamente da 125 a 121 e da 80 a 41) e dall'altro un aumento dei delitti connessi con la gestione illecita dell'imprenditoria, le infiltrazioni nei settori produttivi e l'accaparramento di fondi pubblici...(continua a leggere l'articolo CLICCA QUI)
CORLEONE : QUANDO PRENDI UNA BRUTTA PIEGA

PARLARE TI PORTA AD ESSERE A META' STRADA DALLA SOLUZIONE 
CIAO RINO CLUB
GIOVANNI FALCONE E PAOLO BORSELLINO
ARTICOLI CORRELATI:

Nessun commento:

Posta un commento

Grazie per il tuo Commento, Ciao Rino!