CHI HA UCCISO RINO GAETANO? LE INDAGINI SONO APERTE - CIAORINOCLUB


La gioventù del Lupacchiotto Eugenio Scalfari 

 il Camerata,

fino al 1945.

Ma quella generazione nacque con il fascismo e si formò in una scuola e in una società militarizzate, nonostante vi furono i cossidetti movimenti partigiani, il giovane figlio d'italia borghese , preferi attendere che la guerra sia finita , per darsi alle feste e ai bagordi di piazza, dopo aver ben occultato la camicia negra.

Mio padre, figlio di una famiglia di ‘mastri muratori” numerosissima, aveva un padre anti-fascista, ma era cresciuto nelle organizzazioni giovanili fasciste e nella scuola fascista, e si era imbevuto di quelle idee.


Quando il fascismo crollò emerse la realtà dei partiti antifascisti, che non erano quello che i libri di scuola raccontavano o che non raccontavano affatto. Soprattutto a chi aveva frequentato solo le elementari. Si stupì che esistesse quel mondo perché non lo conosceva. Certo per Scalfari non fu così, ma era sempre un figlio del fascismo.

I giovani sono radicali e si entusiasmano facilmente. Il fascismo era giovanilista. Certi peccati di gioventù, in quel clima di alienazione mentale, si possono anche capire.

Mio padre mi raccontava anche il suo disorientamento nell’impatto con il mondo dei Partiti, dei quali doveva imparare a conoscere gli alfabeti.
Non aveva in casa libri compensativi.

Recuperò quella disinformazione comprando ogni giorno, quando noi figlie eravamo ragazze, molti giornali.
‘La Sicilia’ naturalmente, e poi ‘L’Espresso’, ‘Rinascita’, ‘La Repubblica’, ‘L’Avanti’ quando divenne socialista.
Comprò anche i tre volumi di ‘Storia del socialismo’ di Aldo Romano, che leggevo avidamente perché erano corredati da documenti.
Indimenticabili le lettere di Turati ad Anna Kulischov. Imparai ad amare la Storia.

Ma anche la lettura dell’Espresso e di Repubblica, oltre che di Rinascita, mi fornirono categorie politiche di analisi della realtà fondamentali. Leggevo con passione Scalfari, ma anche gli articoli rigorosi di economia di Bancor, che poi si scoperse era Guido Carli, il Governatore della Banca d’Italia.

Scalfari era insieme razionale e sanguigno, illuminista e umorale. Poteva piacere o non piacere, ma è indubbio che ha formato una generazione di giornalisti e anche un pezzo di società civile, sulla base di un pensiero politico liberale, socialista e democratico, che ha fornito ad alcune generazioni lenti critiche per guardare la realtà.

Non mi pare che quel fenomeno di formazione di un’opinione pubblica libera da ideoligismi eccessivi, ma non da idee portanti, sia stato replicato in quella misura diffusiva e laicamente critica.






 


CIAO RINO CLUB

IN  SUMMER TOUR 

2022



da Sud a Nord 

una locandina per ogni km

 

CONTRO LA CORRUZIONE DEI 

PARTITI POLITICI

 E IL MERCATO LIBERO 

DELLE ENERGIE 

(Guarda gli Aggiornamenti)

VAI ALLA PAGINA

IL BLOG

INSTAGRAM


TWITTER
TELEGRAM


I PARLAMENTARI LADRI RUBANO

I PARLAMENTARI LADRI RUBANO

TU CHE FAI?

CIAORINOCLUB 

LO SCRIVE SU TUTTI I MURI
UNA LOCANDINA PER OGNI CHILOMETRO

CONTRO IL MERCATO LIBERO 
DELL'ENERGIA PER FAMIGLIE 
E PICCOLE E MEDIE IMPRESE 

PERCHE'

NON SI FA "LIBERO MERCATO" 
NEL PORTAFOGLI DI PAPA' E 
NELLA BORSA DI MAMMA E 
NE SUL FUTURO DEI FIGLI
#PARLAMENTARILADRI

NON SI FA LIBERO MERCATO 

NELLE TASCHE DEI CITTADINI

 

DA TUTTA ITALIA

ADERISCI



 

Commenti

Messaggi Effimeri di Antonio Barbuto per CiaoRino!Club

Messaggi Effimeri di Antonio Barbuto per CiaoRino!Club
Culture in Sharing Senza Limite di Frontiera no stop 24 h

CiaoRino!Club

CiaoRino!Club
Senza Limite di Frontiera

Seguimi su TikTok


Scarica , Stampa e Attacchina la Locandina nella tua città

Scarica , Stampa e Attacchina la Locandina nella tua città
Contro il Mercato sulle bollette degli italiani e il parlamentare avvezzo al furto

ULTIMI POST

FILM ITALIANI E STRANIERI IN ALTA DEFINIZIONE

FILM ITALIANI E STRANIERI IN  ALTA DEFINIZIONE
CIAORINO!CLUB-TV