25 dic 2020

Chi era Napoleone? Ciao Rino HistorY risponde

"Signore dai forza al mio nemico e
 fallo vivere a lungo, affinché 
possa assistere al mio trionfo."

N A P O L E O N E   B O N A P A R T E 


 Napoleone Bonaparte nacque nel 1769 ad Ajaccio, in Corsica, da una famiglia della piccola nobiltà. Dopo aver frequentato la scuola militare di Parigi, divenne tenente d'artiglieria nel 1794. Di sentimenti repubblicani e divenuto generale, nel 1796 sposò Giuseppina, donna di sei anni più grande e già madre di due figli.A soli 26 anni, gli fu affidato il comando dell'armata francese impegnata nella Campagna d'Italia contro gli Austriaci, padroni dell'Italia del Nord dal Settecento e che facevano parte di una coalizione di potenze unite per sconfiggere la Francia rivoluzionaria.

Napoleone attaccò la Repubblica di Genova e il Piemonte e nel maggio 1796 ottenne la Savoia e la contea di Nizza, prima di mettere in fuga l'esercito austriaco e di entrare da liberatore a Milano

 Tra 1796 e 1797 Napoleone occupò l'Emilia e la Romagna e arrivò vicino a Vienna. Ottenuto un armistizio con l'Austria, guadagnò Avignone dallo Stato pontificio.


Presa l'Italia, il Direttorio affidò a Napoleone l'incarico di attaccare l'Inghilterra. Non potendo pensare a un'invasione attraverso la ManicaNapoleone scelse di occupare l'Egitto, possedimento turco, ma adatto per colpire gli interessi economici inglesi. Il condottiero preparò bene la campagna d'Egitto: scelse i soldati più pronti fisicamente a sopportare il caldo e allestì la flotta. 

Sbarcò in Egitto nel 1798 presentandosi come un liberatore e sconfiggendo i Mamelucchi nella battaglia delle Piramidi.         La situazione politica in Francia continuava però ad essere instabile: la distruzione della flotta francese operata dall'ammiraglio inglese Horatio Nelson provocò una ripresa delle attività contro il Direttorio.

A metà ottobre del 1799, mentre veniva creata la seconda coalizione antifrancese composta da Austria, Prussia, Inghilterra e Russia, Napoleone rientrò in Francia dove pose fine alla crisi politica con il colpo di stato del 18 Brumaio.

Il Direttorio fu esautorato e la Francia fu affidata a un consolato di tre Membri: Napoleone, primo console, Charles-Maurice de Talleyrand, ex vescovo, e Joseph Fouché, ex Giacobino.