2 giu 2021

Mille Lire Barbetti , alias "Grande M" #TiRaccontoLaLira

 Stampato nelle officine di Via dei Serpenti, a Roma, il biglietto da 1000 lire Barbetti, chiamato anche “Grande M”, creato da Rinaldo Barbetti e stampato su carta prodotta a Fabriano con lastre incise da Ernesto Ballarini si ispira, nei decori delle cornici, alle grottesche di Pompei.

1000 lire Barbetti, chiamato anche “Grande M”

Ci sono luoghi del pensiero in cui spesso un collezionista o un cultore monetario veleggia con sospirata nostalgia, attingendo allo scrigno dei ricordi e all’ardore dell’immaginazione per interpretare, con spirito nuovo, tempi e luoghi ormai lontani, da cui trae origine la sua storia. In Italia, dove la sensibilità artistica e la vena poetica hanno acquisito uno statuto particolare, questa forma del pensiero assume una conformazione precisa: un itinerarium mentis, che dalla severità barocca di Barbetti approda alla postmodernità policromatica di Capranesi, evolvendo verso sentieri tecnologici sempre più attuali e affascinanti.

a Perugia dal 16 giugno al 22 giugno 2021

Stiamo parlando del biglietto più conosciuto e nominato nella storia della cartamoneta italiana, un topos del pensiero e dell’azione: il simbolo della cartamoneta per antonomasia incarnato per secoli dal biglietto da Mille Lire. Questo “personaggio”, dal carisma magnetico, ha assunto fattezze e colori diversi nel corso della sua lunga storia. Compie il suo esordio a Torino, nel 1746 come cartamoneta di Stato con rendita annuale, per poi prendersi una “pausa tecnica” di circa un quarto di secolo. Infatti, a causa della Rivoluzione Francese nonché dell’invasione napoleonica, i “biglietti delle Regie Finanze” di Torino subirono una forte perdita del potere di acquisto e cessarono il loro corso con la loro ultima emissione del primo settembre 1799.Il taglio da Mille Lire riappare sotto forma di biglietto di banca (recte banconota), a Firenze nel 1817, con funzione e struttura diversa. Ma siamo ancora agli esordi estetici del taglio e prima che esso potesse assumere la locuzione retorica di “lenzuolo”, esso ha avuto modo di profondersi nelle più svariate interpretazioni cromatiche e soggettive. Straordinaria sarà la scultura visiva del Mille Lire della Banca di Genova, nemmeno giunta a emissione; ambiziosa quella del Mille Lire della Banca dello Stato Pontificio, di una rarità eccelsa. 

Mille Lire della Banca Nazionale nel Regno “II tipo”

Una svolta assoluta sarà poi raggiunta dal Mille Lire della Banca Nazionale nel Regno “II tipo”, con una tessitura cromatica, una fusione di controcampi estetici e una organizzazione della profondità prospettica davvero unica, nella storia della cartamoneta.

retro mille lire Barbetti "Grande M"

Una curiosità da non passare sottotraccia è il Mille Lire “già Consorziale”, che in termini formali rappresenta un biglietto di Stato, il cui valore facciale, davvero altissimo per l’epoca, non è stato più replicato, restando confinate le successive emissioni di Stato, con i suoi modesti facciali, al rango di ancilla minor della circolazione bancaria. Ma questa è una questione di natura finanziaria su cui, considerato l’argomento, è buona pratica indulgere in questo racconto, per riservarlo ad altra più opportuna sede.Non potevano passare indifferenti le testimonianze del Banco di Napoli e del Banco di Sicilia, con esemplari di raffinata fattura e con un senso della composizione di particolare pregio estetico. Poi, quasi sommessamente, appare sulla scena il “Barbetti matrice”, su cui si sono consumati fiumi di inchiostro: detrattori e adulatori, collezionisti e banchieri, cultori e antiquari, tutti hanno profanato col volgo idioma il celebre biglietto dell’orafo senese, che avrebbe accompagnato la nostra storia per oltre mezzo secolo. Servito in tutte le salse, dalla “testina” alla “medusa”, dalla matrice alla cornice, dal fondo cenere a un beige anticato, dalla carta pesante della prima emissione a quella sottile del “Grande M Fascio primo tipo”, è tutto un turbinio evolutivo… ma il difetto di base permane immutato e va risolto. Infatti, sia per l’incedere troppo ricorrente dei falsari, che lo hanno riprodotto senza troppa difficoltà, sia per il carattere ritenuto troppo “austero” del biglietto, esso viene reietto dal pubblico e ha gran gioco il Capranesi, accademico di San Luca, che fin dal 1930 incanta il mondo con un biglietto di notevole fattura, all’avanguardia nella tecnologia, di peso minore e di più evoluta consistenza. L’impronta francese della carta (in fibra di ramiè, ad essere precisi) unita a una fattura tutta italiana, realizzeranno un manufatto, conosciuto poi come Mille Lire “Regine del Mare”, talmente affascinate che sarà poi utilizzato come base per le successive emissioni dell’Africa Orientale Italiana (AOI), con un senso della sperimentazione cromatica davvero avanzato per l’epoca.

#TiRaccontoLaLira

partecipa all'evento

CLICCA QUI


PINO DANIELE : LE PIU' BELLE CANZONI

SIAMO NEL SEMESTRE BIANCO: CIAO RINO CLUB SOGNA IN ROSA #QUIRINALE2022

SIAMO NEL SEMESTRE BIANCO: CIAO RINO CLUB SOGNA IN ROSA #QUIRINALE2022
SI DOVREBBE PARLARE DEL PROSSIMO PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA CHE CIAO RINO SOGNA POSSA ESSERE UNA FIGURA DONNA DELLA SOCIETA' CIVILE CAPACE E DETERMINATA QUANTO ACCORTA E GARBATA CON MILIONI DI FOLLOWER REALI E SOSTENITORI CHE APPOGGEREBBERO CERTAMENTE LA SUA CANDIDATURA SE I CITTADINI ITALIANI POTESSERO VOTARE DIRETTAMENTE LA LORO CAPO DELLO STATO. SPERIAMO CHE I PARLAMENTARI - SOPRATTUTTO I PIU' PURI - ABBIANO MODO DI ESSERE ILLUMINATI E DI RALIZZARE UN SOGNO DI QUIRINALE ROSA PER TUTTI GLI ITALIANI #CIAORINO #QUIRINALE2022

GOVERNO RENZI, ABOLITA LA FORESTALE: BOSCHI DISTRUTTI E 20 MILIONI DI ANIMALI ARSI VIVI.

GOVERNO RENZI, ABOLITA LA FORESTALE: BOSCHI DISTRUTTI E  20 MILIONI DI ANIMALI ARSI VIVI.
UNA STRAGE INDOTTA DA PESSIME SCELTE POLITICHE, NON SI DISCUTE SULLE STRAGI DI ANIMALI DOPO AVER PERDUTO GRAN PARTE DEL NOSTRO PREZIOSO PATRIMONIO BOSCHIVO, IN UNA ESTATE IN CUI LE FIAMME "DELLE MAFIE" HANNO AVUTO LA MEGLIO SUI NOSTRI POVERI VIGILI DEL FUOCO, SOTTO ORGANICO E MALE EQUIPAGGIATI IN BUONA PARTE DEI CASI IN CUI SONO STATI CHIAMATI AD INTERVENIRE. LA DOMANDA NASCE SPONTANEA: PERCHE' ACCADE QUESTO DA QUANDO NOMINIAMO AI MASSIMI VERTICI DELLE ISTITUZIONI DELI "PINCO PALLINO QUALUNQUE"?

RINO GAETANO : I MIEI SOGNI DI ANARCHIA

RINO GAETANO : "I MIei Sogni di Anarchia" (video canzone + testo)

    testo E lei viveva nei suoi sogni e la sua voglia di imparare In fretta il metodo inglese e cucinare e fare l'amore Lei impazziva pe...

FABRIZIO DE ANDRE' : I SUCCESSI

ADOTTA UN BAMBINO ORA CON

VADO AL MASSIMO A TUTTO VASCO


Gli ultimi post


Ma il Cielo è sempre più Blu - TUTTO RINO

LIBERTA' PER PATRICK E TUTTI I BLOGGER DEL MONDO

LIBERTA' PER PATRICK E TUTTI I BLOGGER DEL MONDO
LA PRESIDENZA DEL CIAO RINO CLUB TI INVITA ACCORATAMENTE A FIRMARE LA PETIZIONE E COINVOLGERE TUTTI I TUOI CONTATTI SOCIAL A FARE LO STESSO. GRAZIE PER L'ATTENZIONE BUON PROSEGUO.

LUCIO BATTISTI: INTRAMONTABILE

Post del Mese

CIAO RINO CLUB 4 I SORCINI

CHI L'HA VISTO ( Le puntate)

INCREDIBILE OPPOSIZIONE TOUR 1994

STRAGI MAFIOSE'93: INDAGATO BERLUSCONI

STRAGI MAFIOSE'93: INDAGATO BERLUSCONI
MA NESSUNA TV, RADIO O TELEGIONARLE NE PARLA : OIBO' CHE FATTO STRANO.

FRANCESCO DE GREGORI : LE CANZONI

Post dell'Anno

ADRIANO CELENTANO : LE CANZONI

SPENDI SPANDI EFFENDI: 124 VOLI DI STATO IN 11 MESI PER PAURA DEL VIRUS

SPENDI SPANDI EFFENDI: 124 VOLI DI STATO IN 11 MESI PER PAURA DEL VIRUS
Tanto è costata agli italiani la Presidente del Senato Elisabetta Casellati in forza a "forza italia"

SIMONE CRISTICCHI : IL CANTAUTORE


MINA "LA VOCE FEMMINILE D'ITALIA"

IL PROGETTO MADRE DEL CIAO RINO CLUB

IL PROGETTO MADRE DEL CIAO RINO CLUB
COMBATTERE LA FAME E LA POVERTA'