14 gen 2021

Il Pugile in riposo

 Il Pugilatore in riposo, conosciuto anche come Pugile delle Terme o Pugile del Quirinale, è uno dei più grandi capolavori della scultura bronzea di ogni tempo.

La statua è stata rinvenuta nel marzo del 1885 alle pendici occidentali del Quirinale, nel luogo dell'ex convento di San Silvestro, tra il secondo e il terzo muro di fondazione di un edificio antico, alla profondità di 18 piedi. Dall'osservazione diretta dell'asportazione della terra in cui giaceva il capolavoro, l'archeologo Rodolfo Lanciani capì che la statua era stata nascosta in quel punto con la massima cura, collocata su un capitello di pietra in una cavità poi riempita con terra finemente setacciata, in modo da preservarne la superficie da eventuali danni. In preda all'emozione, Lanciani così descrisse il ritrovamento: «Sono stato presente nella mia lunga carriera a molte scoperte e ho inaspettatamente incontrato reali capolavori. Ma non ho mai provato un'impressione simile a quella creata dalla vista di questo magnifico esemplare di un atleta semi-barbaro, uscente lentamente dal terreno come si svegliasse da un lungo sonno dopo i suoi valorosi combattimenti».

Alcune estremità della statua si presentano leggermente più lucide, soprattutto i piedi.  Ciò dimostra che la statua, posta in un luogo pubblico della Grecia, era molto apprezzata dai visitatori che ne accarezzavano addirittura le dita dei piedi, poiché i pugilatori venivano considerati dei portafortuna.

Successivamente, la statua è stata trasferita a Roma e ha decorato il complesso delle Terme costantiniane, sul Colle del Quirinale. Così è entrata nella storia della cultura artistica romana, denominata il Pugile delle Terme o il Pugile del Quirinale.
Dopo la scoperta è stata da subito esposta al Museo Nazionale Romano e restaurata.
Il restauro condotto tra il 1984 e il 1987 ha permesso di riconoscere nell'opera aspetti tecnici riconducibili all’ambito classico. L'opera fu realizzata con la tecnica della fusione a cera persa e con il metodo indiretto. La scultura è un insieme di otto segmenti. Le labbra, le ferite e le cicatrici del volto sono state fuse separatamente in una lega più scura o in rame massiccio. Stessa cosa vale per le dita centrali dei piedi (come nei Bronzi di Riace) e per la calotta cranica che doveva permettere l'inserimento degli occhi policromi dall'interno.


Nessun commento:

Posta un commento

Ciao e Benvenuta/o
Lascia un tuo commento o suggerimento e grazie di essere passata a trovarci.... CiaoRino!

SAMAN E' STATA LASCIATA SOLA: MAI PIU' ALTRE SAMAN

SAMAN E' STATA LASCIATA SOLA: MAI PIU' ALTRE SAMAN
GLI ITALIANI HANNO SETE DI GIUSTIZIA

#FreePatrickZaki : Firma La Petizione

#FreePatrickZaki : Firma La Petizione
C L I C C A S U

Cosa nostra potrebbe aver manipolato alti dirigenti di ppss?

CORONAVIRUS ITALIA: 70 FAMIGLIE DI VITTIME CHIEDONO 100 MILIONI DI EURO, ALLA SBARRA FONTANA, CONTE E SPERANZA.

Oggi gli italiani portano alla sbarra il governatore  Attilio Fontana   in compagnia del   #ministro   Roberto Speranza   e del massimo lead...